2

Aprire una Societa in Spagna

Tipi di società in Spagna

Prima di iniziare il processo di costituzione di una società, dobbiamo decidere quale sarà il tipo di essa. Ma non stiamo parlando del modello di business o del progetto specifico. Stiamo parlando della sua struttura giuridica.

In Spagna esistono diverse strutture aziendali dal punto di vista legale, tutte definite dal Codice civile. Ognuno di loro ha le sue caratteristiche e capire i loro diversi scopi è fondamentale.

Societa individuale

Probabilmente l’opzione migliore per le piccole imprese, dal momento che il processo legale per la sua creazione è davvero semplice. Uno dei suoi principali vantaggi è che non richiede alcun investimento iniziale.

Tuttavia, essere una ditta individuale ha un notevole svantaggio: non c’è distinzione tra il patrimonio dell’azienda e il tuo patrimonio personale. Pertanto, sarai pienamente responsabile per qualsiasi possibile debito che l’azienda ha. La tua responsabilità è illimitata sotto una società individuale.

Per chi è ideale questa struttura aziendale? Per pittori, web designer, … Cioè per tutti quei soggetti la cui attività non richiede un’impresa per svolgerla, come nel caso del lavoro dei liberi professionisti.

Tasse da pagare come società individuale

Per quanto riguarda le tasse, principalmente come imprenditore individuale pagherai l’imposta sul reddito (IRPF). Ciò implica che dovrai essere responsabile della presentazione delle tasse ogni anno.

Poiché le tue attività saranno regolate dal regime dell’imposta sul reddito, potresti finire per pagare una quantità di tasse non necessaria quando utilizzi questa struttura legale. E questo accadrà se il tuo reddito è superiore a € 50.000 – € 60.000 all’anno.

Pertanto, nel caso in cui prevedi di guadagnare oltre tale importo, il nostro consiglio è di optare per una società a responsabilità limitata.

Società a responsabilità limitata (SRL)

Si tratta, senza dubbio, della struttura commerciale più apprezzata nel territorio spagnolo. Come mai? Grazie alla sua flessibilità e facilità nel processo di costituzione, richiede solo € 3.000 come investimento minimo di capitale.

Se prevedi di generare un reddito superiore a € 60.000 annui, costituisci direttamente una società invece di affermarti come lavoratore autonomo o costituire una ditta individuale.

Uno dei suoi principali vantaggi è che la tua responsabilità sarà limitata all’investimento di capitale effettuato. Pertanto, se hai investito i 3.000€ di capitale iniziale, questo è l’importo massimo che ti può essere chiesto personalmente come fondatore in caso di indebitamento.

In questo caso, non pagherai l’imposta sul reddito, ma l’imposta sulle società. Ciò equivale al 25% degli utili della società. È inoltre necessario presentare la dichiarazione IVA.

Esistono però diverse esenzioni di cui puoi beneficiare e che possono ridurre notevolmente la base imponibile; così risparmierai.

Pertanto, ti consigliamo di affidarti a un team di contabilità per gestire i tuoi rendimenti trimestrali e annuali. Il tuo portafoglio lo apprezzerà!

Società anonima

Una società è la struttura legale riservata alle grandi società che commerciano azioni. Sono caratterizzati da una struttura molto più rigida e richiedono 60.000 euro per la loro costituzione.

Il suo principale vantaggio è che consente di ottenere finanziamenti esterni, poiché le azioni della società possono essere acquistate in borsa.

Tuttavia, ti suggeriamo di iniziare prima con una SL e poi di passare a una società per azioni una volta che decidi di fare un’IPO.

Filiale

Ma cosa succede se hai già la tua azienda in un altro paese e vuoi espanderti in Spagna?

In questi casi, aprire una filiale è l’opzione giusta. Ti offrirà la possibilità di espanderti in un nuovo mercato sfruttando la potenza del tuo marchio e il «know-how».

Se vuoi creare una filiale della tua azienda nel territorio spagnolo dovrai presentare una procura e una copia dell’atto pubblico di costituzione della società. Nel caso in cui il diritto commerciale del tuo paese lo preveda, devi presentare anche un certificato di buona reputazione.

In questo caso specifico, se sei tu stesso ad aprire e gestire la filiale in territorio spagnolo, devi essere residente nel paese.

Come creare una società in Spagna da straniero

Per stabilire la tua attività nel territorio spagnolo, bisogna seguire i seguenti passaggi:

Ottenere il tuo numero NIE ( riguarda i stranieri)

Definizione delle denominazioni sociali e verifica della loro validità: certificato di unicità

Ottenere il CIF o il codice fiscale

Apertura di un conto corrente bancario ad-uso dell’azienda.

Costituzione degli azionisti e creazione del patto che li regola

Andare dal notaio e firmare l’atto pubblico di costituzione

Registrazione della società con le autorità fiscali

Registrazione della società nella sicurezza sociale

Ottieni il NIE numero

La prima cosa che dobbiamo fare come stranieri è ottenere il NIE . È un numero identificativo che ti consentirà, tra le altre azioni, di aprire un conto corrente bancario, essere identificato dal punto di vista fiscale, ecc. Il NIE è la cosa più importante per poter operare liberamente in Spagna.

Il processo di applicazione NIE è davvero semplice. Il periodo in cui può essere ottenuto dipenderà dal fatto che tu sia un cittadino dell’Unione Europea o meno. Ebbene, occorrono dai 3 ai 5 giorni lavorativi per ottenere il NIE.

Nome dell’azienda.

Una volta ottenuto il NIE dovrai richiedere quello che viene chiamato un certificato di unicità o esclusività. Questo documento afferma che il nome della tua azienda può essere utilizzato gratuitamente ed è ora in tuo possesso. Come ottenerlo?

Prima di tutto dovrai fare una lista con 3 possibili nomi per la tua azienda. Questi devono essere inviati al Registro Mercantile per verificarne la disponibilità (vedere che non vi è altra società registrata con la stessa nomenclatura).

Se disponibile, verrà accettato uno dei tre; a seconda dell’ordine di preferenza con cui li avresti spediti. Questo processo può richiedere fino a 48 ore.

Quindi, ci riferiamo al nome ufficiale dell’azienda, il nome che apparirà sulle fatture e su altri documenti ufficiali.

Tuttavia, puoi chiedere al registro di aggiungere un nome aggiuntivo da utilizzare in situazioni non legali.

Aprire un conto in banca per la tua azienda

Ora che hai il NIE numero, creare un conto bancario aziendale con qualsiasi entità sarà un compito semplice.

Supponendo che tu scelga la SRL come tua struttura societaria, dovrai contribuire con € 3.000 per la costituzione della società, un importo monetario che devi avere in un deposito nel conto appena creato.

Indubbiamente, questa somma di denaro conferita non andrà persa: può essere utilizzata per le operazioni quotidiane dell’azienda.

Questo contributo monetario genererà un certificato bancario che dimostri detto contributo. Conserva molto bene quel documento! Bene, devi portarlo dal notaio il giorno della costituzione.

E se non hai quella somma di denaro? In tal caso, puoi anche utilizzare beni diversi che arrivano alla stessa valutazione monetaria. Ad esempio, puoi utilizzare il tuo computer, telefono cellulare o qualsiasi altro bene simile che può aggiungere fino a tale importo.

Tuttavia, non è qualcosa che consigliamo al 100%. Come mai? Perché in seguito, se vuoi vendere le azioni della società o dividere il capitale per i diversi azionisti, sarà molto più difficile che se usassi i contanti.

Definire gli azionisti della società e i patti sociali.

A questo punto bisogna decidere chi e quanti saranno gli azionisti della società. Inoltre, dobbiamo determinare chi occuperà la posizione di direttore.In questo senso, ci sono due diversi tipi di amministratori:

Innanzitutto troviamo il direttore commerciale. Non deve avere uno stipendio o un permesso di lavoro, ma una volta all’anno deve firmare il rendiconto annuale derivato dalle operazioni aziendali. La contropartita all’amministratore che adotta questa natura è che, legalmente, è poi richiesto che ci sia un lavoratore nell’ambito della struttura aziendale.

Tuttavia, ciò che molte aziende di solito fanno è avere un direttore che raggruppa sotto di lui sia le funzioni aziendali che quelle lavorative, eliminando così la necessità di assumere un lavoratore più in basso nella gerarchia.

Una volta deciso, dovrà essere creato solo il patto parasociale, definendo ciascun socio e la percentuale di partecipazione che ciascuno ha. Questo è uno dei passaggi più cruciali del processo, poiché devi anticipare le possibilità future per evitare problemi in seguito. Ecco perché ti consigliamo vivamente di avere un avvocato specializzato in affari per questo compito.

Andare dal notaio per firmare l’atto pubblico

Una volta che abbiamo tutti i documenti di cui sopra (numero NIE, certificato bancario e certificato del Registro Mercantile), il passo successivo è accedere al notaio per firmare l’atto pubblico.

Definire chi sono gli investitori/azionisti e l’amministratore. Inoltre, dovrai inserire un indirizzo (l’indirizzo sociale).

Inoltre, è necessario stabilire chiaramente quale sia l’attività dell’azienda. Mettere tutte le attività relative a ciò che stai per fare. Questo sarà fondamentale per evitare di ricorrere nuovamente al notaio in futuro se espandi la tua attività o fai ruotare l’attività.

Se ti fidi di noi per l’intero processo di creazione della tua azienda in Spagna, gli avvocati dello studio legale Trushi Sanchez Ferrari & Partners si occuperanno di coordinarti e rappresentarti davanti al notaio, ottenendo tutti gli appuntamenti con le istituzioni legali coinvolte nel processo di costituzione. Non dovrai preoccuparti di nulla.

Successivamente, il notaio iscriverà ufficialmente la società nel Registro Mercantile. Questo processo può richiedere 3 settimane. Tuttavia, dal giorno in cui firmerai la costituzione della società davanti a un notaio, ti verrà assegnata una partita IVA provvisoria con la quale potrai iniziare la tua attività.

Agenzia delle Entrate

Una volta firmato l’atto pubblico davanti a un notaio, devi rivolgerti all’Agenzia delle Entrate per:

Registrare tutta la documentazione, facendosi sigillare da detta autorità.

Richiedi un codice fiscale finale alla tua azienda. Bene, nel primo passaggio ne hai ottenuto uno provvisorio.

Devi tenere a mente che inizierai a pagare le tasse solo una volta che la tua attività inizia effettivamente.

Richiedere il CIF (codice fiscale della società)

È necessario che la tua azienda si identifichi con le autorità fiscali. Ecco perché è necessario richiedere il suo CIF. È il numero univoco che ti consente di identificare la tua azienda dal resto ai fini fiscali.Per fare ciò, sostanzialmente:Prima di tutto, bisogna scaricare il modulo corrispondente sul sito dell’Agenzia delle Entrate

Il prossimo passo è compilare quel modulo

Infine, devi prendere un appuntamento con l’ufficio dell’agenzia delle entrate locale per presentarlo, insieme al tuo NIE

Nel caso in cui desideri effettuare operazioni di importazione/esportazione all’interno dell’UE, avrai bisogno di un numero EORI. Nella maggior parte dei casi viene assegnato automaticamente al momento della registrazione della tua azienda, ma in caso contrario dovrai richiederlo anche tu.

Iscrizione alla sicurezza sociale

E infine, l’ultimo passaggio si fa all’ufficio locale della sicurezza sociale per registrare la tua attività appena creata.

Tieni presente che se ti registri come imprenditore individuale, esiste un regime specifico chiamato RETA che si applicherà a te. Durante l’appuntamento, devi presentare il modulo 036 o 037, il tuo NIE, il passaporto e il modulo dell’imposta sul reddito delle persone fisiche.

E tutto è pronto per partire!

Chat
1
💬 Come possiamo aiutarla...?
Scan the code
Buongiorno👋
Come possiamo aiutarla...?